English version
27.04.2009
Muratore, premio alla carriera
25.04.2009
Cresce la flotta di Con.Tug a Gioia Tauro
24.04.2009
La crisi rafforza l’unione tra i global carrier
20.04.2009
Contship frena la caduta libera di Eurogate
16.02.2009
Gioia Tauro: in arrivo cinque nuove gru di banchina
09.02.2009
Gioia Tauro tiene alto il morale di BLG
21.01.2009
Classifica di Alphaliner MSC e CMA-CGM, assalto a Maersk
11.01.2009
Il presidente Duci balza da Federagenti ad ECASBA
07.01.2009
UASC in rotta su Cagliari
06.01.2009
Genova a rischio un container su quattro
20.11.2008
Il porto di gioia tauro – un mondo di giovani
(Lettera aperta)

Siamo un gruppo di 15 studenti di un Istituto Tecnico Commerciale in provincia di Bari. Grazie ad un progetto finanziato dai fondi sociali europei (FSE) abbiamo potuto organizzare uno stage aziendale di durata di 15 giorni presso l’agenzia marittima SAIMARE Gioia Tauro S.r.l.. Una grande esperienza di orientamento verso le professionalità dello Shipping Business, ma questo era nelle nostre aspettative. Quello di cui, invece, vogliamo parlare è l’umiltà delle persone, la loro disponibilità, grande umanità e tenacia. In un Italia che invecchia e tramonta, come ci fanno capire Stella e Rizzo, il porto di Gioia Tauro ci è apparso un contrappunto di luce. I giovani sono dovunque: negli uffici, nei magazzini, nei terminal... Un porto giovane dove si respira aria di rinnovamento. In giro per il porto non ci sono “yuppies”, i “metro look” con gli abiti griffati. Dovunque solo sobrietà. Anche il loro stile comunicativo nei luoghi di lavoro è una sintesi efficace dell’antico e del moderno. L’antica cultura calabrese, rispettosa del prossimo, accogliente, sempre attenta a non prevaricare, umile nel proporsi e competente nell’esprimersi; in poche parole, quello che gli inglesi chiamano “understatment”, oggi indispensabile per giocare in squadra. Ed è il gioco di squadra la moderna concezione della organizzazione del lavoro. Silenziosi, sorridenti, sereni nei rapporti interpersonali, capaci di ascolto e propositivi nei fatti. Proviamo a discutere con loro poche righe che i fustigatori della cattiva politica e del malcostume italiano, Stella e Rizzo, hanno riservato alla portualità italiana (la Deriva, Rizzoli, Mondadori2008). “Emma Maersk” la nave portacontainer di ultima generazione, capacità oltre 11000 teus, pescaggio a pieno carico 17 metri, potrà scalare solo nel porto di Trieste (secondo i due autori). Gli operatori ci mostrano l’ultimo tratto della banchina appena completata: 450 m di lunghezza, profondità delle acque nel punto di approdo 20 m, le nuove gru super Post-panama su rotaia, ognuna capace di eseguire 18 movimenti/ora, cioè 36 teus/ora, per ogni “bay” della nave. “Emma Maersk” e le sue sorelle potrebbero approdare anche domani senza problemi, ma rizzo e stella non lo dicono. Forse non lo sanno. La Calabria è lontana. Parlano invece di un approdo virtuale effettuato nel porto di Genova nell’ottobre 2007. Una simulazione eseguita su computer, trascurando il dettaglio di fondali insufficienti per fare accostare la nave, Rizzo e Stella parlano di Genova, di Trieste, del grande Nord, di altri. I giovani operatori del porto di Gioia Tauro non commentano. “Siamo in Calabria, nel Sud e siamo abituati a sentire questi commenti”, dicono e sorridono fiduciosi. Sanno di essere una squadra giovane con grandi potenzialità. Sono decisi e tenaci, senza, però ostentarlo. Ci hanno impartito una grande lezione di umiltà, umanità e modernità. Giunti al termine della nostra esperienza nel porto di Gioia Tauro, un sincero ringraziamento ed un affettuoso abbraccio a tutti. Gli studenti dell’istituto Tecnica Commerciale “C. Colamonico” di Aquaviva delle Fonti (Ba).
Per maggiori informazioni:
info@saimaregit.it
© Saimare-git.it - All rights reserved
design and hosting by:brainprogress.com